Stampa

Ippolito 1845

Ippolito 1845

Era il 1845 quando Vincenzo Ippolito impresse le proprie iniziali sul casolare di campagna nella marina di Cirò tra vigneti, uliveti ed aranceti. In un’agricoltura molto variegata, la vite inizia ad avere un ruolo importante, benché il consumo del vino fosse prettamente locale.L’azienda vanta oggi 14 etichette presenti in 4 continenti. La valorizzazione dei propri vitigni autoctoni, la tutela del territorio, il rispetto delle tradizioni, della natura e delle sue biodiversità sono i punti cardini di una storia d’amore.Le tenute situate nel cuore della DOC Cirò: Mancuso, Feudo e Difesa Piana, per un’estensione complessiva di circa 100 ettari. Il sistema di allevamento adottato è prevalentemente il cordone speronato orizzontale, una piccola parte ad alberello alto. Al fine di ottenere una maggiore qualità delle uve, il sesto d’impianto presenta una densità di 5.600 piante per ettaro (mt 2,20 x 0,80) e le rese variano tra i 50 e gli 80 quintali ad ettaro, con una produzione per vite di 1-1,5 kg. Le più importanti operazioni in vigna sono svolte rigorosamente a mano. Le lavorazioni del terreno ridotte, per preservare fertilità e biodiversità del suolo. I vitigni coltivati sono solo autoctoni, vero patrimonio di Calabria: Gaglioppo, Greco Bianco, Calabrese, Pecorello ed altri ancora…


Numero risultati per pagina
Ordina per

Calabrise I.G.T.

N. prodotto: 8

10,90 *
Disponbile

Res Dei D.O.C.

N. prodotto: 98

8,90 *
Disponbile
*
Prezzi comprensivi di IVA.